Dal lunedì al venerdì dalle 9:45 alle 14:00 e dalle 17:00 alle 20:00

Sabato dalle 10:00 alle 13:30

Avda. Jaume el Conqueridor, 108

07760 · Ciutadella de Menorca

(+34) 971 482 845

info@inmobiliariapalau.com

Confronta gli elenchi

Minorca preistorica

Resti archeologici hanno dimostrato che l’isola di Minorca era popolata all’inizio dell’età del bronzo , probabilmente da abitanti della penisola iberica e della Sardegna.

Sull’isola fu influenzata una cultura simile a quella della sorella maggiore, l’isola di Maiorca, influenzata dalla cultura dell’Argar e da varie correnti del Mediterraneo.

Se qualcosa caratterizza Minorca sono i suoi monumenti megalitici . La cosiddetta cultura talayotica ha lasciato tre edifici tipici a Minorca: talayot, marine e taulas.

I talayot ​​, di cui ci sono più di 250 in una dozzina di insediamenti, avevano diverse funzioni: sorveglianza, monumento funerario o rituale, o semplice residenza del capo villaggio.

Le navete sono costruzioni funerarie quasi esclusive di Minorca. Per sottolineare quello di Es Tudons, quello di Biniac-L´Argentina e quello di Rafal Rubí.

Le taulas , esclusive di Minorca, sono composte da due grandi pietre a forma di T, una verticale e una orizzontale e abbondano in tutta l’isola: Talatí de Dalt, Torre d’en Galmés, Torralba d´ a Salort, Binimassó, Binissafullet, Comerna de Sa Garita, San Agustí Vell, So na Cacana, Son Catlar, Torrellafuda, Torretrencada e Trepucó, tra gli altri.

Dai Fenici ai Musulmani

Dopo questi primi coloni, i Fenici e i Greci sarebbero arrivati sull’isola. La leggenda narra che i Fenici chiamarono Minorca come l’isola di Nura, che significava “terra del fuoco” e il “luogo di bestiame” dei greci Meloussa.

Nel 205 a.C., i Cartaginesi a capo del generale Magón incorporarono l’isola nel loro impero e il loro generale diede il nome alla città da lui fondata, Mahón.

Nel 123 a.C., Quinto Cecilio Metelo conquistò Minorca per Roma. “Portus Magonis”, come i romani chiamavano il porto di Mahon, divenne un importante punto strategico e Mahón divenne una fiorente città .

Nel 427, Minorca divenne dipendente dai vandali del Nord Africa e nel 534 fu conquistata da Flavio Belisario per l’impero bizantino.

L’era musulmana

Nel 903 gli arabi conquistarono l’isola per il califfato di Cordova, dove rimasero per quasi quattro secoli. Cittadella, che chiamarono “Jamma”, divenne la capitale dell’isola.

L’influenza araba sull’idiosincrasia e la toponimia dell’isola era enorme . L’amore di Minorca per i cavalli viene da quel momento (come è evidente nelle loro feste).

Minorca faceva parte del mondo musulmano fino a quando l’Impero di Almohad fu sconfitto da Jaime I il Conquistatore.

Jaime I permise al Taifa di Minorca o al Regno di Minorca di sorgere a Minorca in cambio del pagamento di un vassallo. In questo modo Minorca, per alcuni anni, fu un regno “indipendente”.

Il 17 gennaio 1287, le truppe di Alfonso II il Liberale sconfissero quelle dell’ultimo almojarife di Minorca, Abu Umar, e incorporarono il regno effimero di Minorca nel Regno di Aragona . La popolazione musulmana fu schiavizzata e gradualmente deportata e, invece, l’isola fu ripopolata con i catalani .

Jaume I el Conquistador
Regna subiecta aragon regnat sicmnia un unum

Minorca nel Regno di Maiorca e nel Regno di Aragona

Dopo la conquista da parte del Regno di Aragona, la storia di Minorca è parallela a quella di Maiorca .

Dal 1298 al 1343 fece parte del Regno di Maiorca.

Nel 1343 Pedro IV il Cerimonioso sconfisse le truppe del Regno di Maiorca e incorporò completamente le isole nel Regno di Aragona.

Durante la sua dipendenza dalla Corona d’Aragona, Minorca ha beneficiato del potere commerciale e marittimo che la Corona ha esteso in tutto il Mediterraneo.

Dall’inizio del XV secolo Minorca visse la sua peculiare guerra dei tedeschi, le lotte tra i “nobili” forensi e i cittadini “contadini” e, inoltre, fu in balia delle razzie di more, che portarono quasi all’isola spopolato.

Minorca nel Regno di Spagna

Dopo l’unione della Corona d’Aragona con quella della Castiglia, nella seconda metà del XV secolo, Minorca si unì al Regno di Spagna .

Dopo la cattura della Tunisia da parte di Carlo I, l’isola fu saccheggiata dai corsari berberi.

Nel 1534 Mahón fu saccheggiato dal pirata turco Barbarroja e il 9 luglio 1558 la Cittadella fu saccheggiata dal pirata Mustafa Piali che distrusse la città e catturò 3.500 cittadini come schiavi.

Felipe II, per proteggere l’isola, ordinò la costruzione del forte di San Felipe all’ingresso del porto di Mahón e di diverse torri di difesa sulla costa, tra cui quella di San Nicolás a Ciudadela.

Il diciassettesimo secolo fu un declino generale per Minorca dovuto in parte alla peste , alle siccità , alla minaccia dei pirati musulmani e Proprio lotte interne.

Tratado de Amiens

Minorca inglese

Nel XVIII secolo la storia di Minorca è stata davvero convulsa . Passò dalle mani degli inglesi a quelle dei francesi e successivamente a quelle dei franco-spagnoli. Fino ai primi anni del XIX secolo non tornò in mano spagnola.

Nella Guerra di successione al trono di Spagna, Minorca si inclinò all’arciduca Carlos, nonostante l’opposizione di una parte importante dei cittadini solidali di Filippo V guidati dal generale Dávila.

I sostenitori di Felipe V non poterono resistere all’attacco dello squadrone inglese comandato dal generale Laeke e, nel settembre 1708, Minorca fu conquistata dagli inglesi.

Con il trattato di Utrech del 1713, Felipe V cedette Minorca alla Gran Bretagna, iniziando la prima era inglese, dominio che sarebbe rimasto fino al 1756.

Nel 1756 fu conquistato dai francesi sotto il comando del duca di Richelieu e, sette anni dopo, con il trattato di Parigi del 1763, fu restituito in Gran Bretagna. Questa seconda tappa inglese durò fino al 1782, quando furono espulsi dalle truppe franco-spagnole comandate dal generale Crillón.

Dal 1798 al 1802 fu di nuovo occupato dagli inglesi e, dopo il Trattato di Amiens, fu finalmente consegnato in Spagna.

Durante la dominazione inglese, il governatore Kane trasferì la capitale a Mahón e Minorca visse, in particolare la nuova capitale, il suo momento migliore a causa dell’espansione commerciale che era la presenza nel suo porto della Marina inglese e le navi corsara bandiera inglese.

Dal XIX secolo ad oggi

Nel 1808, durante la guerra contro Napoleone, Minorca si schierò dalla parte di Ferdinando VII.

Dopo la guerra, l’isola ha ricevuto numerosi rifugiati catalani. Tuttavia, dal 1825, subì una forte emigrazione in Florida, nelle Indie occidentali, in Sud America e molto significativo in Algeria.

Durante il regno di Isabella II, nel 1852, fu costruita la fortezza di Mola, che presto divenne una prigione militare e mantenne questo destino fino al 1968.

Alla fine del 19 ° secolo, la costruzione navale e la calzoleria alleggerirono la precaria situazione dell’isola.

Durante la guerra civile spagnola Minorca non subì grandi mali. Fu da parte delle truppe repubblicane fino a quando, alla fine della guerra, nel febbraio del 1939, fu preso dalle truppe nazionali. Ci furono esecuzioni fino a quando i repubblicani controllarono l’isola, oltre a un tentativo di sbarco da parte delle truppe nazionali nel 1937 e ricevettero anche bombardamenti dell’aviazione italiana.

Nel ventesimo secolo, la storia di Minorca ha continuato a essere segnata dall’emigrazione endemica e dal fiorente settore delle calzature e della pelle , dalla gioielleria e dal turismo.

Il settore primario ha perso importanza lentamente e costantemente.

La vendita di calzature è diminuita negli ultimi anni, anche se nell’ultimo decennio e grazie ad alcuni marchi di prestigio internazionale si è parzialmente ripresa. La gioielleria non è riuscita ad adattarsi alla concorrenza, principalmente asiatica, ed è quasi estinta.

Il turismo ha significato un radicale cambiamento sociale e demografico per Minorca ed è la sua principale fonte di ricchezza, anche se parte dei menorcesi lo considera un’aggressione al loro modo di vivere e ci sono ancora voci contro di loro.

L’evoluzione del turismo segnerà il futuro dell’isola. Rendere gli obiettivi della dichiarazione della Riserva della Biosfera compatibili con la crescita del turismo che rispetti il ​​suo patrimonio naturale ed ecologico è ciò che renderà Minorca una destinazione unica e differenziata .

Logo Inmobiliaria Palau's